Lasagna napoletana di Carnevale: la ricetta di Lucio

È proprio il momento di goderci una ricetta golosissima della tradizione napoletana: la lasagna!
Un piatto saporito e ricco di ingredienti e di bontà, tradizionalmente preparato il Martedì Grasso, nel periodo di Carnevale, per rinvigorirsi prima del digiuno dedicato alla Quaresima, ma talmente gustoso da essere perfetto ogni giorno e in ogni occasione speciale.

Oggi scopriamo la gustosa lasagna napoletana fatta da Lucio!
Prendete carta e penna, o scegliete il vostro modo preferito per segnare la lista della spesa e tutti i passaggi della ricetta.

Eccola qui!

Gli ingredienti della lasagna napoletana

Per preparare la lasagna napoletana avrete bisogno di alcuni ingredienti della cucina povera ma di sostanza, che troverete sempre nello spazio del Chianchiere.

La tradizione vuole che, strato su strato, nella nostra lasagna si sentano tutti i sapori della gastronomia partenopea: a partire dalle polpettine fritte, fino alla ricotta, dal ragù popolare alla provola filante. Tutto, in questo piatto, ricorda Napoli, le sue strade, le sue case e i profumi che la pervadono da rione a rione.

Per assaporare a pieno quest’animo godereccio di Napoli e preparare un’ottima lasagna napoletana, ecco qui tutti gli ingredienti di cui avrete bisogno!

Ingredienti:
• 1 kg di sfoglie di lasagna Gentilini
• 3 uova sode (se preferite)
• 500 gr provola
• 500 gr ricotta (di pecora)
• prosciutto cotto

Per il ragù:
• 500 gr di cervellatine
• 500 gr carne di maiale

Per il sugo:
• tracchiolella (e’ tracchiulelle)
• 3 cucchiai di sugna
• 3 bottiglie di passata di pomodoro
• 100 gr. di concentrato di pomodoro
• 1 cipolla grande
• 1 bicchiere di vino rosso da tavola (il consiglio di Lucio: Aglianico Cantine De Santis)
• 100 gr di salame napoletano
• sale, pepe, basilico q.b.

Per le polpettine:
• carne di vitello e di maiale macinata
• 1 albume d’uovo
• olio di semi di arachide per friggere le polpettine
• pane raffermo
• prezzemolo q.b.
• aglio tritato q.b.
• parmigiano reggiano grattugiato 24 mesi q.b.
• sale q.b.

Avete segnato tutto? Se è così, sistemate tutto sul tavolo e passiamo alla ricetta vera e propria, con i consigli di Lucio.

La Ricetta

Incominciamo dalla preparazione che richiede più tempo e che deve essere cotta a puntino: il ragù.

Il ragù, che bontà!

Vi abbiamo già raccontato la ricetta del ragù napoletano nella versione di Lucio, che non prevede l’aggiunta del concentrato come invece vuole la ricetta classica. Per la lasagna, però, consigliamo di preparare l’antico ragù napoletano, con salsiccie, cervellatine, cipolla, concentrato di pomodoro e tutta la buona carne che trovate da Cerrone!

Per iniziare a prepararlo, tagliamo le cervellatine a pezzetti, una cipolla finemente e, in una pentola grande, aggiungiamo la sugna.
Facciamo riscaldare un po’ d’olio e portiamo la cipolla a doratura, poi aggiungiamo la carne e le cervellatine e continuiamo a soffriggere.

Quando la carne è abbastanza cotta, aggiungiamo nella pentola mezza quantità di salame (l’altra metà la conserviamo per guarnire la lasagna) e facciamo cuocere per pochi minuti. Aggiungiamo un bicchiere di vino rosso (Aglianico De Santis!) e lo facciamo evaporare con il fuoco al massimo, quindi aggiungiamo il concentrato e soffriggiamo per alcuni minuti. Infine, uniamo la passata di pomodoro, il sale e il pepe, qualche foglia di basilico e cuociamo ancora a fuoco vivace per 10 minuti.

A questo punto, copriamo la pentola con un coperchio, abbassiamo la fiamma e la lasciamo sul fuoco.

Ricordate: il sugo deve cuocere almeno tre ore a fuoco lento lento (addà pepià!). Più lo cuociamo, più buono sarà il sapore della nostra lasagna!

Il ripieno della lasagna: le polpettine!

Mentre il ragù bolle in pentola, bisogna preparare le deliziose polpettine di carne di cui andiamo matti, anche assaggiandole da sole, ma che adoriamo trovare nel ripieno della lasagna perché le danno un gusto esagerato!

Per preparare l’impasto delle polpettine, mescoliamo in una scodella tutti gli ingredienti e amalgamiamo ben bene. Quindi realizziamo delle piccole palline, facendo roteare una noce di impasto delicatamente tra i palmi delle mani (senza schiacciare!).

Friggiamo le nostre polpettine in una padella per friggere con olio bollente, poi le mettiamo da parte in un piatto e il gioco è fatto.

Il sugo è quasi pronto, le polpettine sono calde calde, cosa manca? È il momento di preparare la lasagna!

L’ultimo passaggio: gli strati della lasagna

In un contenitore, stemperiamo la ricotta con qualche cucchiaio di salsa, lavorandola fino ad ottenere una crema densa.
Imburriamo una teglia e mettiamo sul fondo ancora un po’ di burro (o, meglio ancora, strutto) e lo spalmiamo bene anche ai lati.

Stendiamo sul fondo della teglia un po’ di sugo e iniziamo a preparare gli strati con tutti gli ingredienti: prosciutto, uovo sodo, polpettine, salame… tutti uno ad uno! Un consiglio: lasciate la provola e il formaggio grattugiato per ultimi in ogni strato, in questo modo si scioglieranno ancora meglio e fileranno in ogni angolo!

Nell’ultimo strato aggiungiamo un altro po’ di ragù e lo stendiamo per bene, spolverandolo poi con altro parmigiano e, se vogliamo, qualche fetta di provola. La lasagna è pronta da cuocere!

Il piatto è pronto! Lasagna napoletana a tavola

Lasagna napoletana con polpettine

Inforniamo a 180° con forno ventilato o 220° con forno statico e lasciamo cuocere fino a cottura desiderata: c’è chi la preferisce meno dorata, chi tanto abbrustolita, voi come la amate?

Fatecelo sapere sui nostri canali social! Ci trovate su Facebook, Instagram e anche TripAdvisor.

E per preparare la ricetta con i migliori ingredienti o per un ultimo consiglio goloso, Lucio il Chianchiere e tutta la squadra Cerrone vi aspettano qui, nel cuore di Posillipo!

– Buon appetito –

Articoli simili

Un prodotto che più di tutti porta alta la bandiera dell’artigianalità dei mastri caseari, un gusto unico e inconfondibile che…

Oggi abbiamo davanti a noi una materia prima molto pregiata, di cui sicuramente avrete sentito ricette e aneddoti,  soprattutto nel…

Anche a casa vostra la Pasqua può essere golosissima con le proposte del Chianchiere! Dalla Gastronomia alla Brace, un mix…